Oggi presentazione di Cambia la terra, progetto per il biologico

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 apr. (askanews) - Il biologico italiano gode di una posizione di leadership in Europa e nel mondo. L'Italia ha una percentuale di superficie agricola destinata al bio doppia rispetto alla media europea e oltre 80.000 imprese che operano esclusivamente o in parte nel comparto. Le policy europee, a cominciare dalle strategie Farm to Fork e Biodiversità, hanno fissato al 2030 un target del 25% di superficie bio, triplicando così la media europea. Ma nei fatti le politiche attuative stentano a decollare a scala continentale e in Italia e il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), quello che diventerà lo strumento di sviluppo sostenibile più importante, registra una scarsa attenzione all'agroecologia.

Cambia la terra - il progetto voluto da FederBio assieme a Legambiente, Lipu, Medici per l'Ambiente, Slow Food e WWF e sostenuto da alcune importanti aziende del bio - ha elaborato un Quaderno che si aggiunge al Rapporto Cambia la Terra 2018 e spiega quali sono le ragioni per chiedere maggiore coraggio ai decisori pubblici.