Oggi secondo giorno Consiglio Ue, trattativa in salita su Recovery

Afe
·1 minuto per la lettura

Roma, 18 lug. (askanews) - Si apre alle 11 a Bruxelles la seconda giornata del Consiglio europeo straordinario che sta discutendo del piano Next generation Eu. La trattativa in salita, dopo che la giornata di ieri, come spiegato nella notte dal premier Giuseppe Conte, si chiusa con una "fumata nera". A bloccare il negoziato la posizione dell'Olanda e degli Stati cosiddetti 'frugali' che chiedono precise condizioni per la concessione delle sovvenzioni. "Abbiamo ancora da lavorare - ha detto Conte, rientrando in albergo dopo la mezzanotte -. Ci sono aspetti tecnici da approfondire e divergenze che non siamo riusciti a superare". Al termine della giornata di ieri, il presidente del Consiglio ha presentato una proposta italiana, alternativa a quella del presidente del Consiglio Ue Charles Michel. "Siamo disponibili a entrare nella discussione di qualche dettaglio, ma assolutamente no ad un compromesso che alteri gli equilibri delle istituzioni Ue, e anche l'ammontare (dei finanziamenti, ndr) e l'equilibrio tra sovvenzioni e prestiti", la 'linea rossa' tracciata da Conte.