Ogm, Comm. Ue: aggiornare politica Ngt con dibattito pubblico

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - La Commissione europea ha pubblicato oggi, su richiesta del Consiglio, uno studio sulle nuove tecniche genomiche (NGT). Lo studio mostra che le NGT, che sono tecniche per alterare il genoma di un organismo, hanno il potenziale per contribuire a un sistema alimentare più sostenibile come parte degli obiettivi del Green Deal europeo e della strategia Farm to Fork.

Allo stesso tempo, lo studio rileva che l'attuale legislazione sugli OGM, adottata nel 2001, non è adatta allo scopo per queste tecnologie innovative. La Commissione avvierà quindi "un ampio e aperto processo di consultazione per discutere la progettazione di un nuovo quadro giuridico per queste biotecnologie", si legge in una nota della Commissione.

Lo studio ora sarà discusso con i ministri dell'UE al Consiglio Agricoltura e pesca a maggio. La Commissione discuterà inoltre i suoi risultati con il Parlamento europeo e tutte le parti interessate. Nei prossimi mesi verrà effettuata una valutazione dell'impatto, inclusa una consultazione pubblica, per esplorare le opzioni politiche riguardanti la regolamentazione degli impianti derivati da determinate NGT.

Il commissario per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, ha spiegato: "lo studio che pubblichiamo oggi conclude che le nuove tecniche genomiche possono promuovere la sostenibilità della produzione agricola, in linea con gli obiettivi della nostra strategia Farm to Fork. Con la sicurezza dei consumatori e l'ambiente come principio guida, ora è il momento di avere un dialogo aperto con i cittadini, gli Stati membri e il Parlamento europeo per decidere congiuntamente la via da seguire per l'uso di queste biotecnologie nell'UE".

Le NGT, che possono essere definite come tutte le tecniche per alterare il genoma di un organismo sviluppate dopo il 2001 (quando è stata adottata la legislazione dell'UE sugli OGM), si sono sviluppate rapidamente negli ultimi due decenni in molte parti del mondo, con alcune applicazioni già sul mercato di alcuni partner commerciali dell'UE.

Secondo i risultati dello studio, i prodotti NGT hanno il potenziale per contribuire a sistemi alimentari sostenibili con piante più resistenti alle malattie, alle condizioni ambientali e agli effetti dei cambiamenti climatici. Inoltre, i prodotti possono beneficiare di qualità nutrizionali più elevate come un contenuto di acidi grassi più sano e una ridotta necessità di input agricoli come i pesticidi. Contribuendo agli obiettivi dell'UE di innovazione e sostenibilità dei sistemi alimentari, nonché a un'economia più competitiva, le NGT possono avere vantaggi per molti settori delle nostre società. Allo stesso tempo, lo studio ha anche analizzato le preoccupazioni associate ai prodotti NGT e alle loro applicazioni attuali e future.

Le preoccupazioni includevano il possibile impatto sulla sicurezza e sull'ambiente, ad esempio, sulla biodiversità, la coesistenza con l'agricoltura biologica e senza OGM, nonché l'etichettatura. Le NGT sono un insieme molto diversificato di tecniche e possono ottenere risultati diversi, con alcuni prodotti vegetali prodotti da NGT che sono sicuri quanto le piante allevate convenzionalmente per la salute umana e animale e per l'ambiente. Lo studio rileva inoltre che vi sono forti indicazioni che l'attuale legislazione sugli OGM del 2001 non è adatta allo scopo per alcune NGT e i loro prodotti e che necessita di adattamento al progresso scientifico e tecnologico.