Ogni 100 euro consumi alimentari solo 5,1% va a operatori filiera

Red/Apa

Roma, 4 nov. (askanews) - Ogni 100 euro di consumi alimentari degli italiani, il 32,8% remunera i fornitori di logistica, packaging e utenze, il 31,6% il personale della filiera, il 19,9% le casse dello Stato, l'8,3% i fornitori di macchinari e immobili, l'1,2% le banche, l'1,1% le importazioni nette e solo il 5,1% gli operatori di tutta la filiera agroalimentare estesa. E' quanto emerso dal rapporto "La creazione di valore lungo la filiera agroalimentare estesa in Italia", presentato oggi da The European House - Ambrosetti nel corso di una conferenza stampa realizzata con Federdistribuzione, ANCC Coop, ANCD Conad e in collaborazione con ADM - Associazione Distribuzione Moderna. Il rapporto analizza la ripartizione degli utili tra tutti gli attori della filiera ed evidenzia come la quota della Distribuzione sia poco più di un quarto di quella dell'Industria di trasformazione e quella dell'Agricoltura sia poco meno della metà.

"La filiera agroalimentare estesa (Agricoltura, Industria di Trasformazione, Intermediazione, Distribuzione e Ristorazione) è il 1° settore economico del Paese - dichiara Valerio De Molli, Managing Partner & CEO, The European House - Ambrosetti - Genera un fatturato totale di 538,2 miliardi di Euro (pari alla somma del PIL di Norvegia e Danimarca), un Valore Aggiunto di 119,1 miliardi di Euro (4,3 volte le filiere estese automotive e arredo e 3,8 volte la filiera dell'abbigliamento estesa) e sostiene 3,6 milioni di occupati (pari al 18% del totale degli occupati in Italia), con 2,1 milioni di imprese".

Partendo dai consumi alimentari, il rapporto ricostruisce l'utile di filiera: ogni 100 euro di consumi alimentari degli italiani, il 32,8% remunera i fornitori di logistica, packaging e utenze, il 31,6% il personale della filiera, il 19,9% le casse dello Stato, l'8,3% i fornitori di macchinari e immobili, l'1,2% le banche, l'1,1% le importazioni nette e solo il 5,1% gli operatori di tutta la filiera agroalimentare estesa. I 5,1 euro di utile per ogni 100 euro di consumi alimentari si ripartiscono nelle seguenti proporzioni: l'Industria di trasformazione alimentare ottiene la quota maggiore, pari al 43,1%; il 19,6% va all'Intermediazione (grossisti e intermediari in ambito di agricoltura, industria e commercio); il 17,7% all'Agricoltura; l'11,8% alla Distribuzione e il 7,8% alla Ristorazione.

Il dato relativo alla Distribuzione smentisce le fake news sull'argomento, tanto più se si considera che il trend degli ultimi 6 anni vede la quota di utile di filiera della Distribuzione ridursi del 9,9%, al contrario della quota dell'Industria che cresce del +4,9%. Il rapporto, infine, sottolinea anche che, all'interno dell'Industria di trasformazione alimentare, la ripartizione dell'utile è altamente concentrata: le aziende leader con una quota di mercato superiore al 40% nei propri mercati di riferimento (57 aziende su 56.757) catturano il 31,1% dell'utile di tutta l'Industria alimentare e il 13,4% dell'utile dell'intera filiera.(Segue)