Oiv: produzione mondiale di vino in calo del 4%, Ue -13%

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 nov. (askanews) - Produzione mondiale di vino in calo nel 2021-2022: secondo l'Oiv, l'organizzazione mondiale della vigna e del vino, nel 2021 nel mondo si produrranno 250,3 milioni di ettolitri di vino (esclusi mosti e succhi). Con un calo del 4% rispetto all'anno precedente. Le stime di Oiv parlano di una forchetta minima di 247,1 milioni di ettolitri e una massima di 253,5: un quantitativo definito "estremamente basso", simile a quello del 2017. Per il terzo anno consecutivo la produzione mondiale di vino è al di sotto delle sue medie storiche. Oiv precisa che "l'impatto di questa caduta per il settore vinicolo globale deve ancora essere valutato, dato l'attuale contesto in cui la pandemia di Covid-19 sta ancora generando un grado relativamente elevato di volatilità e incertezza".

A pesare, l'andamento climatico che ha letteralmente diviso il mondo del vino in due: da un lato l'Emisfero Sud, che ha registrato volumi da record, dall'altro l'Emisfero Nord e soprattutto l'Unione Europea, che ha visto cali imponenti a causa dell'andamento climatico fortemente negativo.

La produzione vitivinicola europea, che è pari al 58% della produzione mondiale, è stata infatti "influenzata pesantemente dalle condizioni meteo". La produzione europea di vino è stimata dall'Oiv a 145 milioni di ettolitri, in calo del 13% sul 2020, con una perdita di 20 milioni di ettolitri. "E' stato un anno molto sfortunato per Italia, Francia e Spagna", i tre big del vino mondiale, ha spiegato il direttore generale dell'Oiv, Pau Roca, nel corso della conferenza di presentazione delle stime annuali di Oiv (World wine production outlook).

L'Italia segna un calo pesante, -9% a 44,5 milioni di ettolitri, ma continua ad essere il più grande produttore mondiale. Seguita dalla Spagna con un calo del 14% a 35 milioni di ettolitri. Il terzo big, la Francia, "ha avuto un anno disastroso dal punto di vista climatico" e registra un calo del 27% a 34,2 milioni di ettolitri, "uno dei volumi più bassi mai registrati".

In calo la produzione di vino anche in Grecia e Slovenia con un pesante -26% ciascuna, in Croazia (-13%) e in Austria (-4%). Positiva, invece, l'annata per la Germania (+4% a 8,8 milioni di ettolitri), l'Ungheria (+6%), la Bulgaria (+7%). Stabile la produzione in Portogallo (-1% a 6,5 milioni di ettolitri) e in Repubblica Ceca (+2%).

Per quanto riguarda, invece, l'Emisfero Sud, si è registrata una produzione record di 59 milioni di ettolitri, con un aumento del 19% sul 2020. Crescita guidata dalla performance di Cile, Argentina e Brasile. Il Cile cresce del 30% con una produzione di 13,4 milioni di ettolitri, l'Argentina del 16% con 12,5 milioni di ettolitri e il Brasile del 60% con 3,6 milioni di ettolitri.

Tra i grandi player extra Europei, gli Stati Uniti crescono del 6% a 24,1 milioni di ettolitri mentre l'Australia mette a segno un aumento del 30% a 14,2 milioni di ettolitri. Male, invece, la Nuova Zelanda che ha visto un calo del 19% a 2,7 milioni di ettolitri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli