Olanda: Rutte supera voto sfiducia, ma sua credibilità danneggiata (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Mercoledì il nome di Omtzigt con la nota 'cambiare la sua posizione' sono stati fotografati dai giornalisti su un foglio di appunti dei negoziati per la formazione del nuovo governo. Il foglio era sfuggito a Kasja Ollongren, una degli esploratori per le trattative, costrette in tutta fretta ad abbandonare i colloqui perché scoperta positiva al coronavirus. Rutte ha strenuamente cercato di sostenere che non era stato lui a sollevare la questione, ma alla fine ha dovuto ammetterlo. Ha tentato di giustificarsi dicendo di non aver deliberatamente mentito, ma di essersene solo scordato, una affermazione che non è apparsa molto credibile.

Ieri c'è stata una sessione speciale del parlamento, durata fino all'alba di oggi, dove Rutte è stato pesantemente attaccato. Gli altri tre partner della sua coalizione -D66, Cda e il partitino cristiano Cu – lo hanno difeso quando si è votata la sfiducia, considerando anche la difficile situazione della pandemia. Ma alla successiva mozione di censura, che non comporta l'obbligo di dimissioni, solo il Vvd, si è schierato dalla sua parte.

Rutte rimane quindi premier ad interim. Ma la sua posizione nei negoziati per il prossimo governo appare decisamente indebolita. Lo scandalo potrebbe allungare i tempi per la formazione dell'esecutivo. Del resto l'Olanda, dove il parlamento è molto frammentato, ci è abituata: nel 2017 ci vollero 208 giorni per avere un nuovo governo dopo le elezioni.