Olanda, segregati per 9 anni in attesa della fine del mondo

webinfo@adnkronos.com

Choc e mistero in Olanda, dopo la scoperta di un gruppo di sette persone - un 58enne e sei ragazzi fra i 16 e i 25 anni - che viveva recluso e nascosto da nove anni in una remota fattoria della provincia di Drenthe, apparentemente in attesa della 'fine dei tempi'. La polizia è intervenuta su segnalazione di un proprietario di un bar del vicino villaggio di Ruinerwold, dove si è presentato il maggiore dei ragazzi chiedendo aiuto, riferiscono i media olandesi.  

Il ragazzo "aveva capelli lunghi, una barba sporca, vecchi vestiti e un'aria confusa. Parlava in modo infantile", ha raccontato in televisione il proprietario del bar. Dopo aver chiesto una birra, il giovane ha detto che viveva rinchiuso da nove anni con i fratelli e le sorelle, aggiungendo che era il maggiore e voleva mettere fine a tutto questo. Il barista ha subito chiamato la polizia. 

Arrivati alla fattoria, gli agenti hanno trovato una scala che scendeva in cantina, il cui ingresso era nascosto in un armadio. Sotto terra c'erano il 58enne e gli altri ragazzi. L'uomo adulto si è rifiutato di rispondere agli agenti ed è stato arrestato. Non è chiaro quale fosse il suo rapporto con i più giovani. Il sindaco di Ruinerwold, Roger de Grot, ha dichiarato questo pomeriggio che il 58enne non è il padre dei ragazzi, riferisce il sito Dutch news. Il sindaco ha aggiunto che diversi dei giovani non erano mai stati registrati all'anagrafe.  

L'uomo e i ragazzi hanno vissuto completamente isolati dal mondo per nove anni, nutrendosi grazie a una capra e ai prodotti dell'orto. Apparentemente il 58enne aveva fatto credere ai più giovani che erano gli ultimi rimasti al mondo. La fattoria è molto isolata. I vicini avevano visto solo l'uomo e comunque da lontano. Raccontano che si spostava a bordo di una vecchia macchina, non aveva rapporti con nessuno, e allontanava bruscamente chiunque si avvicinasse alla proprietà.