Oli usati, il primato circolare dell'Italia in Europa

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 25 mag. (Adnkronos) – Italia eccellenza Ue nella filiera dell'olio minerale usato, dalla raccolta alla rigenerazione, grazie all'esperienza del Conou. Ecco i numeri: a fronte dell’immesso al consumo nel mercato europeo in media in un anno di oltre 4,3 milioni di tonnellate di olio lubrificante vergine, l’olio usato raccoglibile è di circa 2 milioni e 100 mila tonnellate (pari al 48%) mentre il raccolto arriva a 1 milione e 730 mila tonnellate (pari all’88% del raccoglibile, mentre in Italia è del 99%).

In Europa si avviano a rigenerazione 1 milione e 50mila tonnellate di rifiuto, pari al 60% del raccolto, mentre in Italia questo rapporto arriva a circa il 98-99%. Infine, le basi lubrificanti rigenerate prodotte in Unione europea equivalgono a 600mila tonnellate, con una resa del 57% a fronte del 65% della nostra filiera.

"Noi siamo l’eccellenza e credo che questa eccellenza sia anche un esempio, un paradigma. Perché se vogliamo vincere la battaglia del clima dobbiamo andare verso l’economia circolare diffusa. La battaglia del clima si vince recuperando risorse dai rifiuti. Il Conou è un esempio riuscito", dice all'Adnkronos Riccardo Piunti, neopresidente del Consorzio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli