Olimpiadi 2026, Marin (Fi): squadra azzurra unita, non una parte

Pol/Bac

Roma, 8 feb. (askanews) - "Il tentativo del Pd e del gruppo europeo dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici di mettere il cappello sulle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 è francamente di cattivo gusto. Organizzare un convegno come quello che ci sarà il 22 aprile prossimo a Bruxelles così smaccamente targato Pd dimenticandosi di invitare alcuni autorevoli rappresentanti del centrodestra non fa giustizia della battaglia che l'Italia ha vinto giocando tutti insieme. Lo dico da uomo di sport, da campione olimpico e mondiale: un siffatto comportamento mi addolora profondamente". Lo afferma in una nota Marco Marin, deputato di Forza Italia.

"Tutti sappiamo, nessuno escluso, che le Olimpiadi invernali di Milano e Cortina - aggiunge - sono arrivate in Italia grazie al gioco di squadra tra Coni, Regione Veneto e Regione Lombardia, Milano e Cortina, Governo e Parlamento. Senza l'azione di tutti questi protagonisti le Olimpiadi non sarebbero mai arrivate in Italia. Ha vinto la Squadra Azzurra. Tutta. Se fosse prevalsa la logica di parte non avremmo portato a casa questa grande sfida e l'Italia sarebbe stata ancora una volta penalizzata e costretta nella logica dell'immobilismo e della decrescita infelice. E' davvero triste e sbagliato tentare di strumentalizzare una straordinaria opportunità come quella dei Giochi Olimpici di Milano e Cortina. Non fa giustizia dell'impegno di tutto il nostro Paese. Lo Sport non ha e non deve avere colore politico. Credo francamente che almeno sulle Olimpiadi tutti dovrebbero cercare di dimostrare di essere capaci di fare squadra e di avere senso dello Stato".