Olimpiadi: atletica, caccia a 4 record del mondo nelle gare a ostacoli (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Sta vivendo un’annata meno spumeggiante, invece, il qatarino Abderrahman Samba, pur sempre ostacolista da 46.98 in carriera. Fari anche sui vari Kyron McMaster (Isole Vergini Britanniche), Kenny Selmon (Usa), il turco-cubano bronzo di Rio Yasmani Copello. E l’azzurro Alessandro Sibilio (48.42 per il titolo europeo U23, dodicesimo al mondo dell’anno) in mezzo a tanti campioni può trovare motivazioni enormi. Se al maschile duellano il primo e il terzo di sempre, al femminile il confronto è addirittura tra le prime due della storia. E non solo.

McLaughlin – prima e unica fin qui sotto i 52 secondi – ai Trials ha strappato il record alla connazionale e campionessa olimpica in carica Dalilah Muhammad, capace di 52.16 nella finale mondiale di Doha, ma non meglio di 52.42 quest’anno, proprio a Eugene. Americane sugli scudi, certo. Ma lo spessore dei risultati stagionali è talmente ampio che non si può escludere dai giochi la rivelazione olandese Femke Bol (52.37), formidabile vincitrice delle ultime quattro tappe di Diamond League, a un passo dal record europeo della Pechonkina (52.34). Ed è notevole anche il cambio di passo della veterana Anna Ryzhykova (Ucraina), 52.96 a Stoccolma.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli