Olimpiadi: Bach depone corona fiori a Hiroshima, 'non abbiamo nulla a che fare con la politica'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Tokyo, 16 lug. (Adnkronos) – Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale (Cio) Thomas Bach ha visitato Hiroshima nonostante le proteste che sostenevano che stava usando la storia della città giapponese per scopi politici. Bach ha deposto una corona di fiori e ha osservato un minuto di silenzio al parco della pace in ricordo della bomba atomica sganciata sulla città alla fine della seconda guerra mondiale. I Giochi Olimpici, ritardati a causa della pandemia di coronavirus, apriranno la prossima settimana a Tokyo nonostante le preoccupazioni della popolazione giapponese che potrebbero aumentare la diffusione del coronavirus.

Un gruppo civico si è anche opposto alla visita di Bach a Hiroshima con una petizione online di protesta che ha raccolto 70.000 firme. Bach ha difeso la visita, dicendo "non abbiamo nulla a che fare con la politica" e ha voluto invece onorare il primo giorno della Tregua Olimpica, una tradizione che risale a 3000 anni fa. "Chiedo a tutte le parti in conflitto di osservare la tregua olimpica durante i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020", ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. "Le persone e le nazioni possono sfruttare questa tregua temporanea per stabilire cessate il fuoco durevoli e trovare percorsi verso una pace sostenibile".

Accompagnato dal capo dell'organizzazione locale Seiko Hashimoto, Bach ha anche visitato un museo che mostra l'impatto della bomba. Allo stesso tempo, il presidente della commissione di coordinamento del Cio, John Coates, ha visitato Nagasaki, l'altra città giapponese colpita da una bomba atomica durante la guerra.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli