Olimpiadi: Djokovic, 'indeciso se venire per assenza pubblico ma ora voglio vincere'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Tokyo, 22 lug. – (Adnkronos) – "Quando gioco sento l'energia del pubblico, negativa o positiva che sia. Quando ho saputo che non ci sarebbe stato mi sono posto la domanda se partecipare o meno. Perdere un elemento chiave come i tifosi significa vedere tutto in modo differente ma, in ogni caso, questi rimangono i Giochi Olimpici, un evento unico, e quindi sono felice di essere qui". Così Novak Djokovic in conferenza stampa da Tokyo alla vigilia della cerimonia di apertura delle Olimpiadi, dove parte con i favori del pronostico.

Il serbo gioca anche per inseguire un record: lo Slam d'oro, cioè vincere i principali quattro trofei del circuito e le Olimpiadi, nello stesso anno. Australian Open, Roland Garros e Wimbledon sono già nella sua bacheca. Tokyo è alle porte, poi toccherà agli Us Open, un'impresa riuscita (nello stesso anno solare) solo a Steffi Graf nel 1988. Oltre che ad Andre Agassi, Rafa Nadal e Serena Williams, ma non negli stessi trecentosessantacinque giorni. "Parliamone dopo questa Olimpiade – ha commentato il vincitore di venti Slam -, adesso vado avanti giorno dopo giorno, perché in passato quando ero troppo concentrato su questo obiettivo non è andata come avrei voluto. Sono motivato ad inseguire la storia, ho lavorato duro per riuscirci ma preferisco parlarne se dovessi farla".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli