Olimpiadi: Goggia, 'essere la portabandiera un onore e una responsabilità'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 dic. – (Adnkronos) – "Ho toccato le corde del cuore, ci vuole coraggio a parlare davanti al presidente della Repubblica Mattarella, a quello del Coni Malagò e a diversi ministri, mi avevano detto di prepararmi un discorso, io invece ho voluto guardare dentro di me e parlare con il cuore". Lo dice la campionessa olimpionica e portabandiera azzurra a Pechino 2022 Sofia Goggia a margine della cerimonia di consegna del tricolore al Quirinale. "E' un grande onore ma anche una grande responsabilità essere il garante dei colori italiani e guidare tutti gli sportivi che si approcciano all'Olimpiade", sottolinea la 29enne discesista bergamasca, vincitrice di 5 gare di Coppa del Mondo in questa prima parte di stagione. "Le Olimpiadi sono dietro l'angolo, ma in questi 42 giorni che mancano ai Giochi ci sono tante gare di Coppa del Mondo. Bisogna vivere di progettualità e pensare all'oggi", conclude Goggia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli