Olimpiadi: Patta, 'A Tokyo si respirava aria strana, ma sapevo che saremmo andati sul podio'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 dic. (Adnkronos) – “Tokyo è stata la mia prima Olimpiade e parlando con altri atleti l’aria che si respirava nel villaggio era molto strana. Per me era tutto molto bello. Io sapevo che saremmo andati al podio sin da quando abbiamo fatto il raduno a luglio. Poi dopo ho cominciato a capire che avremmo potuto giocarci anche l’oro perché tante grandi squadre erano state eliminate. Il mio obiettivo rimangono i 200 metri ma cercherò anche di fare qualche gara nei cento metri”. Così il campione olimpico della 4X100 a Tokyo 2021, Lorenzo Patta, nel suo intervento alla XVI edizione del premio ASI ‘Sport&Cultura – Gli Oscar dello Sport italiano’ tenutosi presso il Salone d’Onore del Coni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli