Olimpiadi: pattina sulle note di Schindler’s List, bufera sui social

La giovane tedesca, 21 anni, si è esibita al Gangneung Ice Arena sulle note del famoso film che racconta la storia dell’eroe Schindler. (Credits – Getty Images)

La sua Olimpiade l’ha chiusa lontanissima dal podio, solo 18sima, e sicuramente di Nicole Schott non avremmo sentito parlare. Se non avesse scelto la colonna sonora del famoso film “Schindler’s List” come musica per la sua prova e se non fosse stata tedesca. Scatenando, così, le polemiche sui social.

La giovane tedesca, 21 anni, si è esibita al Gangneung Ice Arena sulle note, appunto, del famoso film che racconta la storia dell’eroe Schindler, che salvò centinaia di ebrei dalla persecuzione nazista. Apriti cielo. Secondo molti utenti sui social una scelta di cattivo gusto, insensibile, peggiorata dal fatto che Nicole sia tedesca. “Nessuno dovrebbe pattinare su una canzone del genere. A maggior ragione non dovrebbe farlo una pattinatrice tedesca” uno dei tanti commenti su Twitter.

Commenti che diventano ancora più duri e pesanti, come un’altra utente che scrive “La pattinatrice tedesca Nicole Schott ha deciso di esibirsi sulle note di Schindler’s List. Nel caso in cui non lo abbiate mai visto, è un film terribile sull’Olocausto e sulla Germania nazista. Ho già detto che è tedesca? Penso di stare per vomitare”. E c’è chi è felice che Nicole abbia chiuso lontana dal podio. “La sua esibizione non sarebbe potuta andare peggio. Ben le sta”.

Ma sui social c’è anche chi la difende. “Nicole Schott è stata criticata, ma il film è su un eroe per gli ebrei e la musica è incredibilmente bella. Non credo che avesse intenzione di creare tutto questo scalpore. Sono sicuro che molti altri atleti abbiano usato la musica di Wagner, il quale era notoriamente un anti-semita” uno dei tanti commenti.

Si aggiunga che la musica di Schindler’s List non è la prima volta che viene utilizzata nel pattinaggio artistico. Addirittura la campionissima Katarina Witt, ex pattinatrice artistica su ghiaccio tedesca, l’ha utilizzata per esibirsi, sebbene non alle Olimpiadi. Anche la pattinatrice artistica russa Yulia Lipnitskaya l’ha utilizzata nel 2014 durante i giochi di Sochi. Ma nessuno aveva aperto bocca.

(Duccio Fumero)