Olimpiadi: Rossi, 'spero di sentire presto Viviani, bello essere portabandiera con lui'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 mag. – (Adnkronos) – “Sto benissimo, sono un po' frastornata ma sto molto bene, sono stati due giorni ricchi di emozioni”. A parlare è la portabandiera azzurra alle prossime Olimpiadi di Tokyo Jessica Rossi, che oggi si è raccontata a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1. Come ha accolto la sua nomina da parte di Giovanni Malagò? “Sono stata brava perché notizie non ne sono uscite, l'ho detto a mia madre certo. E poi quando mi ha telefonato ero in ritiro con la nazionale, a cena, mi sono allontanata sono rientrata ma un po' si capiva, l'ho detto solo al commissario tecnico ed abbiamo mantenuto il segreto fino a ieri, quando la cosa è stata resa pubblica”.

Lei condividerà il ruolo di portabandiera col ciclista Elia Viviani. “Ancora non siamo riusciti a sentirci, speriamo di farlo presto, sono contentissima perché ci saranno un uomo e una donna a tenere insieme la bandiera – ha detto Rossi – ed è molto bello che siano stati scelti atleti provenienti del tiro al volo che e del ciclismo. E' una bella vittoria per noi”. Parliamo un po' di come è nata la passione per questo sport: quando ha iniziato? “Lo praticava già mio padre. La prima volta che mi sono misurata col tiro al volo è stato a 7 anni: mio padre mi lancio’ due piattelli e li centrai entrambi”.

Anche suo marito pratica il suo stesso sport? “Su questo c'è qualcosa da dire: ci siamo separati da un anno, ora sono single”. Chissà che con la notorietà non arrivi anche qualche novità dal punto di vista sentimentale…”Per adesso dico proprio no: penso solo alle Olimpiadi”. Qual è il sex symbol che preferisce? “Direi Bradley Cooper”. E la sportiva che ammira di più? “Ce ne sono molte, capaci di fare l'atleta e la famiglia nello stesso tempo, come Josefa Idem e Valentina Vezzali”. Qual è la sua opinione in merito ad uno dei temi più discussi del momento, il Ddl Zan? “La difesa dei diritti è la cosa più importante, e quindi vediamo, speriamo”. Le piacerebbe, un giorno, poter fare televisione come ha fatto Federica Pellegrini ad esempio? “Non saprei, io vivo nel mio mondo, in campagna…”, ha concluso l'olimpionica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli