Olimpiadi: Sacchetti, 'bella atmosfera, a 40 anni da Mosca rivivo stesse emozioni'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Saitama, 22 lug. (Adnkronos) – "Ai ragazzi prima di scendere in campo come ultima cosa dirò piuttosto che perdere palla è meglio fare un tiro". Chiude così il ct azzurro dell'Italbasket, Meo Sacchetti, l'incontro con la stampa a Saitama dopo l'allenamento degli azzurri in vista dell'esordio contro la Germania il 25 luglio. "L'atmosfera olimpica è bella e i ragazzi si stanno godendo il villaggio e anche io stesso, a 40 anni da Mosca, non mi aspettavo di vivere emozioni così. Ho vinto l'Europeo dell'83 ma se devo scegliere la cosa più bella che ho fatto è stata l'Olimpiade dell'80, anche se è arrivato solo un argento, perché l'Olimpiade ha un fascino particolare", ha aggiunto Sacchetti. Anche il problema del covid non sembra turbare il Ct azzurro. "Nel villaggio non abbiamo avuto particolari sensazioni legate al covid, ci fanno un tampone al giorno e non ci sono problemi che quando uno vede un altro si scansa. Siamo tutti una famiglia. L'unico problema è che non ci sarà pubblico ma vale per tutti", ha proseguito Sacchetti che sulle similitudini con l'Italia del calcio che ha vinto gli Europei, spiega: "Siamo cresciuti insieme, sulla stessa onda ma fare un'Olimpiade e' il massimo". Il ct parla anche di Danilo Gallinari e del suo ingresso in gruppo. "Fa parte di questo gruppo non è entrato con l'atteggiamento della super stella. Ci può dare qualcosa di più".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli