**Olimpiadi: Sylla, 'sto bene, sarò pronta per la prima sfida con la Russia'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Tokyo, 21 lug. (Adnkronos) – "Sto bene, sto facendo terapia. La caviglia sta recuperando in fretta, sono serena, c'è un po’ il dispiacere di non essere al 100%, ma non temo assolutamente di non essere pronta per la prima sfida delle Olimpiadi con la Russia, sto lavorando per fare in modo di essere al massimo possibile". La capitana della nazionale femminile di pallavolo Miriam Sylla parla da Tokyo all'Adnkronos delle sue condizioni fisiche dopo l'infortunio alla caviglia contro la Serbia. Per la Sylla sarà un'Olimpiade da capitano. "Ho pensato anche a questo ma è un fatto che passa in secondo piano. Le Olimpiadi sono il sogno di una vita, le si affronta al meglio e lo voglio fare senza troppo peso. Forse avrò un po’ di tensione all’inizio, in occasione dei sorteggi, ma è la nostra Olimpiade e cerco di non pensarci", ha aggiunto Sylla.

L'azzurra con le sue compagne stanno vivendo al meglio la vita al Villaggio nonostante le restrizioni anti-covid. "Le restrizioni non sono un qualcosa che ci sconvolge la vita, è un anno e mezzo che lo stiamo vivendo nella vita quotidiana e siamo abituate anche ad un maggiore isolamento nelle bolle, in hotel -spiega l'azzurra-. Qui a Tokyo ci sono tante nazionali, è vero che ci sono le restrizioni, il plexiglas a dividerci, ma c’è tanta gente. La vita al Villaggio è particolare, ci sono tanti atleti di sport differenti, li vedi allenarsi in maniera differente, e ti colpisce. Vedi fare delle cose in palestra incredibili".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli