Olimpiadi: Tas, due nuotatori russi sospesi prima dei Giochi autorizzati a gareggiare a Tokyo

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Tokyo, 19 lug. (Adnkronos) – La Corte di arbitrato dello sport (Tas) ha autorizzato i nuotatori russi Alexandr Kudashev e Veronika Andrusenko a competere alle Olimpiadi di Tokyo dopo una sospensione provvisoria per violazione antidoping, ha dichiarato la Fina che mercoledì aveva sospeso provvisoriamente gli atleti sulla base delle prove fornite dall'Agenzia mondiale antidoping (Wada) dall'esame dei materiali recuperati dall'ex laboratorio antidoping di Mosca. "La Fina riconosce pienamente il Tas come organo giudicante indipendente in casi come questi. Siamo grati per la loro rapida considerazione della questione e rispetteremo e attueremo la decisione del Tas", ha affermato il presidente della Fina Husain Al-Musallam in una nota.

"Come fieri firmatari del Codice Wada, avevamo il dovere di seguire rapidamente e attentamente il materiale fornito", ha aggiunto Al-Musallam. "La Fina rimane pienamente impegnata a proteggere gli atleti puliti e a promuovere una competizione pulita a Tokyo 2020, proprio come facciamo per tutti gli eventi del nostro calendario". Kudashev si è qualificato per i 200 m farfalla ai Giochi di Tokyo, mentre Andrusenko si è qualificata per i 200 m stile libero alle Olimpiadi di Tokyo in programma dal 23 luglio all'8 agosto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli