Olimpiadi: Tortu, 'staffetta la mia gara preferita perché si fa squadra'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 lug. – (Adnkronos) – "La staffetta è una gara imprevedibile, infatti forse è la mia gara preferita perché lasci da parte tutte rivalità che coltivi durante l’anno ed è il momento in cui si fa davvero squadra. Ho giocato a calcio e basket per tanti anni è quindi è un bel modo per vivere qualcosa che non vivo più”. Lo sprinter azzurro Filippo Tortu è pronto per la doppia sfida di Tokyo e si racconta a Sky Sport. Le aspettative per il 23enne milanese sono alte. Soprattutto nella staffetta. "L'obiettivo è quello di arrivare in finale, possiamo farlo. Ci sono continui colpi di scena e una volta raggiunta la finale poi è giusto non porsi limiti e provare a battere chi sulla carta è più forte di noi".

Poi ci sono i 100 metri. "Guardo gli altri- racconta lo sprinter azzurro- ma cerco di non farmi influenzare o ossessionare troppo dai risultati degli altri, tanto alla fine quando sei in pista sei da solo. Dipende tutto da te: non ti deve interessare se l’atleta che ti sta a fianco ha fatto il record del mondo magari sette giorni prima o, al contrario, non sta correndo veloce. Quando li guardo, lo faccio per imparare da loro e magari rubare qualcosina.."

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli