Olimpiadi: Volandri, 'Berrettini demoralizzato ma verrà fuori da momento difficile'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 lug. – (Adnkronos) – "Matteo aveva ripreso ad allenarsi venerdì ma avvertiva ancora dolore. Dalla risonanza purtroppo è risultata una lesione con edema, che lo costringerà ad almeno due-tre settimane di stop. L’ho sentito, era molto demoralizzato dal tono della voce. Fa parte delle tappe della vita, sappiamo che lui viene sempre fuori dai momenti difficili, questo è uno dei tanti, lo aspetteremo”. Così il capitano della squadra di tennis azzurra a Tokyo, Filippo Volandri poco prima di imbarcarsi da Fiumicino alla volta del Giappone.

“Quando inizi a giocare a tennis, speri di diventare un professionista, vincere gli Internazionali, la Coppa Davis e un’Olimpiade -prosegue l'ex top 30 Atp al sito della Federtennis -. Sono tutti sogni che chiudi in un cassetto e speri nel tempo possano realizzarsi. Partecipare ai Giochi è un’emozione unica, che sfata il luogo comune che il torneo olimpico di tennis sia una una cosa a sé stante. Inizialmente anche io ero portato a pensarla così, ma una volta che sei lì e vivi quell’atmosfera, cambia completamente tutto. Ti rendi conto che è l’opportunità più bella del mondo, un’esperienza tra le più emozionanti”.

Tokyo 2020 arriva con un anno di ritardo, messa in stanby un anno fa dalla pandemia, che ancora oggi impone severi paletti al carrozzone olimpico. “Non sarà un’edizione semplice, dovremo fare un tampone ogni giorno anche durante la permanenza a Tokyo e potremo stare a stretto contatto soltanto tra di noi. C’è un protocollo molto stingente che prevede anche l’utilizzo di un’applicazione per il tracciamento”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli