Olio extravergine, 555 campioni per concorso Aipo d’Argento

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 apr. (askanews) - Sono 555 i campioni già arrivati per partecipare all'Aipo d'Argento 2021, il concorso oleario organizzato da Edizioni L'Informatore Agrario con Aipo (Associazione Interregionale Produttori Olivicoli), che proclameranno i vincitori della 18esima edizione verso la metà di giugno.

"Abbiamo ricevuto 122 campioni dal Veneto, 53 dalla Sicilia, 44 dalla Campania e 38 dalla Sardegna - spiega Vitina Marcantonio, account manager responsabile del Progetto Aipo per L'Informatore Agrario -, ma superano le 20 unità anche quelli provenienti da Toscana, Lazio, Puglia e Abruzzo. Complessivamente, partecipano aziende da ben 18 regioni italiane, sintomo di una sensibilità crescente su tutto il territorio nazionale nella ricerca della qualità per un prodotto cruciale dell'agroalimentare made in Italy".

"Siamo partiti nel 2004 con 35 campioni - ricorda Enzo Gambin, direttore di Aipo - alla 18esima edizione possiamo dire che il premio ha raggiunto la maturità sotto tutti i punti di vista. Oltre che da tutta Italia, riceviamo oli da tutti i principali produttori del Mediterraneo, Spagna, Portogallo, Grecia, Croazia, Turchia e Slovenia, con una rappresentanza di oltre il 70% della produzione mondiale di olio di qualità".

Patrocinato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, l'"Aipo D'Argento" utilizza il metodo di analisi del Consigli Oleicolo Internazionale (Coi) e valuta Evoo italiani e internazionali nelle 6 categorie "Dop/Igp", "biologici", "monovarietali", "aromatizzati", "100% italiani", "internazionali", a cui si aggiungono gli "Evoo Top Winners", premiati tra i campioni del 2019 e del 2020. Secondo i dati del Sian (Sistema Informativo Agricolo Nazionale), la produzione della campagna olearia nazionale 2020/2021 sfiora le 255mila tonnellate di olio. In testa alla classifica per regioni la Puglia, che produce il 42,2% dell'olio made in Italy, seguita a distanza da Calabria (12,4%) e Sicilia (11,6%).