Olio, R. Lombardia: 1 mln per comparto olio dopo biennio difficile

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 30 giu. (askanews) - "Il settore olivicolo lombardo ha subito nell'ultimo biennio la pressione di varie emergenze fitosanitarie che hanno compromesso la capacità produttiva del comparto, e Regione Lombardia è intervenuta in deroga per garantire azioni efficaci di supporto a tutto il comparto". Lo ha annunciato in una nota lo stesso Pirellone, spiegando che l'investimento complessivo è di un milione di euro, con un nuovo bando previsto per l'estate dedicato alla promozione dei prodotti.

L'assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi che questa mattina ha riunito il "Tavolo regionale dedicato all'olio", ha ricordato che "cascola verde, cimice asiatica e piralide dell'olivo stanno creando danni enormi, e a questi aspetti si aggiungono anche gli agenti atmosferici come le forti nevicate invernali e le grandinate estive". "Regione Lombardia ha messo in campo un piano da 400mila euro in collaborazione con i Gal per effettuare indagini patologiche, indagini meteo climatiche e indagini colturali" ha proseguito l'assessore, spiegando che "abbiamo poi messo altri 400mila euro per la sostituzione dell'impianto per la molitura delle olive a Monte Isola con un nuovo impianto automatico e la realizzazione del frantoio oleario nell'edificio Cittadini a Marone".

"In estate lanceremo una misura ulteriore da 200mila euro per la promozione del nostro olio: l'olivicoltura in Lombardia è un settore piccolo sotto il profilo economico ma dalla straordinaria importanza, per la qualità delle produzioni e soprattutto per il mantenimento del territorio" ha sottolineato Rolfi, precisando che "per questo lavoreremo affinché nella prossima Pac ci siano misure dedicate anche alle piccole produzioni di qualità, che hanno valenza ambientale e turistica, e non solo alle colture intensive di altre regioni". "C'è una forte collaborazione con Aipol e con le associazioni di categoria, con l'obiettivo comune di valorizzare i prodotti del nostro territorio" ha continuato, evidenziando che "la produzione media annuale nel periodo 2016-2018 è stata di 728,33 tonnellate, mentre nel 2019 abbiamo registrato un -90% passando a 67,7 tonnellate e nel 2020 c'è stata una piccola ripresa a 227,7 tonnellate". "Siamo comunque molto lontani - ha concluso Rolfi - dagli standard quantitativi degli anni scorsi: per questo è necessario un intervento urgente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli