Oliviero Toscani scaricato da Benetton: “Impossibile collaborare”

oliviero-toscani-benetton

Non sembra placarsi la polemica che ha investito il fotografo Oliviero Toscani in merito alla sua controversa frase, pronunciata durante la trasmissione radiofonica Un giorno da Pecora, riguardo la tragedia del Ponte Morandi. Tramite un comunicato ufficiale, nella giornata del 6 febbraio Benetton ha infatti deciso di interrompere il rapporto di collaborazione con Toscani, che per l’azienda trevigiana aveva negli anni realizzato numerose campagne pubblicitarie.

Oliviero Toscani scaricato da Benetton

Non sono dunque bastate le scuse dello stesso Toscani per rimediare al danno fatto durante la puntata dello scorso 3 febbraio del programma di Radio 2 Un giorno da pecora, in cui il celebre fotografo aveva affermato “ma a chi interessa che caschi un ponte” parlando dei suoi rapporti con l’azienda Benetton nel contesto dell’ormai celebre visita delle sardine alla famiglia di industriali tessili.

L’azienda ha infatti voluto prendere le distanze da Toscani interrompendo qualsiasi tipo di collaborazione lavorativa con lui, annunciando il tutto attraverso un comunicato diramato nella giornata di giovedì: “Benetton Group, con il suo Presidente Luciano Benetton, nel dissociarsi nel modo più assoluto dalle affermazioni di Oliviero Toscani a proposito del crollo del Ponte Morandi prende atto dell’impossibilità di continuare il rapporto di collaborazione con il direttore creativo”. Il gruppo Benetton è peraltro direttamente coinvolto nella tragedia del Ponte Morandi essendo tra principali azionisti della società Autostrade per l’Italia, la quale avrebbe dovuto adempiere nella manutenzione del ponte.

Le scuse del fotografo

A seguito delle polemiche, lo stesso Toscani si è scusato pubblicamente con i familiari delle vittime precisando di non avere rispettato il tema della trasmissione parlando del Ponte Morandi: “Cosa posso fare? Mi posso solo scusare nel modo più profondo. Ho sbagliato, cos’altro posso dire! Se ci si potesse prendere a bastonate in radio, lo farei”.