Oltre 240.000 oggetti sequestrati

·2 minuto per la lettura
Giocattoli
Giocattoli

La Guardia di Finanza ha effettuato un maxi sequestro a Como di giocattoli contraffatti pericolosi, presenti in un megastore. Si tratta di una scoperta davvero molto grave, visto che la maggior parte dei prodotti sequestrati sono giocattoli per bambini.

Giocattoli contraffatti pericolosi: sequestro della Guardia di Finanza

I finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Como hanno sequestrato più di 240.000 prodotti, tra giocattoli, materiale destinato al settore delle costruzioni e guanti protettivi che potevano essere potenzialmente pericolosi. Durante i controlli, l’attenzione degli agenti si è concentrata su un maxi emporio di Como, dove sono stati scoperti e sequestrati moltissimi giocattoli destinati ai bambini più piccoli, come pistole, cartucce giocattolo e giochi di società, che erano privi del marchio CE, delle avvertenze di sicurezza, delle informazioni obbligatorie, come da normativa del settore, e delle dichiarazioni di conformità, che permettono la circolazione di questi oggetti all’interno dell’Unione Europea.

Giocattoli contraffatti pericolosi: la scoperta dei finanzieri

Moltissimi prodotti scoperti dai finanzieri non erano stati sottoposti alle verifiche tecniche previste dalla normativa europea e per questo potevano essere pericolosi per la salute dei consumatori, in questo caso soprattutto per i bambini. I finanzieri, tra la merce in vendita, hanno scoperto dei materiali utilizzati nel settore delle costruzioni e dei guanti protettivi di plastica, che erano privi delle informazioni di sicurezza. Nello stesso negozio sono stati scoperti numerosi giocattoli contraffatti, che raffiguravano diversi personaggi molto famosi della Marvel, come Spiderman, della MGA Enterteinment, come le Lol Suprise, e della Acamar Films, come Bing. Tutti questi giocattoli non erano conformi agli standard di produzione delle case madri.

Giocattoli contraffatti pericolosi: le sanzioni

Il rappresentante legale della società è stato immediatamente segnalato dalla Guardia di Finanza alla Camera di commercio di Milano. Ha ottenuto sanzioni da 1.500 euro a 10.000 euro e da 516 euro a 25.823 euro. Il responsabile del punto vendita dove venivano venduti i prodotti contraffatti è stato denunciato alla Procura di Como per contraffazione e ricettazione. Le indagini sono state aperte e sicuramente i controlli della Guardia di Finanza continueranno, per verificare se tutti gli altri prodotti sono conformi alla normativa europea o se ci sono altri store che vendono prodotti che possono essere considerati pericolosi per i consumatori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli