Omar Monestier morto per un malore a 57 anni

Omar Monestier
Omar Monestier

Omar Monestier, direttore del Messaggero Veneto e del Piccolo, è morto improvvisamente a causa di un malore. L’uomo aveva 57 anni e il decesso è avvenuto durante la notte.

Morto Omar Monestier, direttore del Messaggero Veneto e del Piccolo: malore a 57 anni

Lutto nel mondo del giornalismo. Questa notte è morto Omar Monestier, direttore del Messaggero Veneto e del Piccolo. La causa del decesso è un malore improvviso. L’uomo aveva 57 anni e lascia la moglie e i figli. Grande cordoglio sui social network da parte di amici e conoscenti che hanno appreso la notizia. “Il giornalismo perde un osservatore e commentatore che ha contribuito a raccontare il nostro territorio. Si poteva naturalmente essere o non essere d’accordo ma questo non toglie la tristezza per un lutto che non dovrebbe mai accadere nel pieno della vita” ha scritto un utente su Facebook. “Apprendo con profondo dolore la tristissima notizia dell’improvvisa e prematura scomparsa di Omar Monestier. Sono vicino ai suoi cari e alle redazioni de Il Piccolo e del Messaggero Veneto” ha scritto Enrico Letta, segretario del Pd.

Chi era Omar Monestier

Omar Monestier era una delle firme più prestigiose del giornalismo del Nord Est. Originario di Belluno, ha iniziato la carriera negli anni ’90 a Verona, nel quotidiano la Cronaca, diretto da Paolo Pagliaro. Negli anni è stato caporedattore del Mattino dell’Alto Adige, dove è rimasto fino al 1997, quando ha assunto l’incarico di vicedirettore del Mattino di Padova. Dal 2000 è diventato codirettore con ruolo di coordinatore delle testate collegate, ovvero La Tribuna di Treviso e La Nuova di Venezia e Mestre. In seguito è stato direttore del Messaggero Veneto dal 2012 al 2016. Dallo scorso anno è diventato anche direttore del Piccolo di Trieste.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli