Omicidio Angelica Salis: "Aveva chiesto aiuto in un bar prima di essere uccisa"

·1 minuto per la lettura
Angelica Salis (Facebook)
Angelica Salis (Facebook)

Il giorno prima di essere uccisa a coltellate dal marito, Angelica Salis aveva chiesto aiuto in un bar vicino a casa. Senza scarpe e visibilmente sotto shock, aveva dichiarato di essere stata picchiata dal marito e di avere paura. Nessuno, tuttavia, aveva percepito che il rischio fosse reale.

Sono i nuovi particolari che emergono rispetto al femminicidio, avvenuto giovedì 9 settembre, della 60enne con problemi di depressione a Quartucciu, nell'hinterland di Cagliari.

LEGGI ANCHE: Vicenza, donna uccisa a colpi d'arma da fuoco: assassino in fuga

Autore dell'omicidio è il marito Paolo Randaccio, 67 anni, che ha accoltellato Angelica al culmine di una lite in casa, prima di chiamare i carabinieri. 

VIDEO - In UK un femminicidio ogni tre giorni

"A volte la vita ti mette in ginocchio, ti fa piangere e tu pensi di non avere la forza di andare avanti - aveva scritto qualche giorno prima sui social la vittima - ma tu ricorda che c'è qualcuno che vive dei tuoi abbracci e dei tuoi sorrisi. Alzati e lotta perché la vita non è sempre facile, ma è la cosa più preziosa che possiedi".

LEGGI ANCHE: Napoli, anziana uccisa e fatta a pezzi: confessa il figlio

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli