Omicidio Caccamo, ci sono degli sviluppi sulla vicenda

·2 minuto per la lettura
Omicidio Caccamo legale fidanzato
Omicidio Caccamo legale fidanzato

Colpo di scena sull’omicidio avvenuto a Caccamo dove la 17enne Roberta Siragusa è stata ritrovata morta a Monte Calogero. Si tratta questa di un’uccisione avvolta nel mistero dove ancora molti aspetti riguardanti l’omicidio non apparirebbero ancora chiari ad iniziare dall’assassino che potrebbe non essere il fidanzato.

A parlare è il legale del fidanzato Pietro Morreale che ha appunto fatto sapere ad ANSA che il giovane di 19 anni non avrebbe ancora confessato e di essere ancora in attesa di essere sentito dal pm di Termini Imerese che ha il compito di coordinare le indagini. Oltre a Pietro Morreale dovrebbero poi essere sentiti alcuni amici della coppia che sarebbero stati presenti nella festa della villa nei pressi del luogo dove sarebbe avvenuta la vicenda.

Omicidio a Caccamo, parla il legale del fidanzato

“Il mio assistito non ha confessato, né ai carabinieri né al Pm. Non c’è al momento alcun provvedimento nei suoi confronti, perché io avrei dovuto saperlo”. Questa è la dichiarazione del legale di Pietro Morreale, il fidanzato di 19 anni di Roberta Siragusa che ad ANSA ha svelato alcuni dettagli importanti della vicenda. L’avvocato Giuseppe Di Cesare ha proseguito aggiungendo che al momento vi sarebbe un’unica certezza vale a dire “che il mio assistito questa mattina si è presentato insieme al padre dai carabinieri e che ha consentito di far ritrovare il cadavere della fidanzata”.

Nel frattempo sarebbe finita sotto la lente d’ingrandimento delle Forze dell’ordine la festa nella villa dove tutto avrebbe potuto avere inizio. Stando a quanto appreso potrebbe essere avvenuto un litigio tra i due. Ad ogni modo oltre al fidanzato Pietro dovrebbero essere sentiti alcuni amici vicini alla coppia anche loro presenti alla festa.