Omicidio Caruana Galizia, suoi assassini volevano ucciderla già nel 2015

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Volevano uccidere Daphne Caruana Galizia già nel 2015. A riferirlo in una lunga testimonianza Vincent Muscat. Gli esecutori materiali dell'assassinio della giornalista investigativa maltese avevano dunque pianificato un attentato con armi da fuoco AK-47 due anni prima di ucciderla in un attacco dinamitardo nell'ottobre del 2017. Muscat, insieme alle altre due persone accusate dell'omicidio, aveva iniziato i preparativi per l'assassinio della cronista già nel 2014 o 2015. Con George Degiorgio era stato messo a punto un piano che prevedeva di fermare la donna sotto casa mentre un terzo uomo, Jamie Vella, l'avrebbe colpita con l'AK-47.

Il piano, ha aggiunto, venne abbandonato quando la persona che avrebbe dovuto pagare 50mila euro per l'assassinio non consegnò il denaro. Muscat si è riconosciuto colpevole dell'omicidio ed ha indicato i suoi due complici in George Degiorgio e nel fratello Alfred. L'ordigno, secondo la sua testimonianza, fu fornito da Vella ed un altro uomo. L'imprenditore Yorgen Fenech, processato separatamente, avrebbe pagato Muscat e i fratelli DeGiorgio 150mila euro per l'omicidio attraverso un intermediario. Fenech si dichiara non colpevole.