Omicidio Caruana, la sorella Corinne a Rai Radio1: non finisce qui -2-

Red/Bea

Roma, 20 nov. (askanews) - Si è parlato degli ultimi arresti, ttra cui oggi quello del presunto mandante, limprenditore °Yorgen Fenech: "Una è stata arrestata la settimana scorsa. In realtà non so di chi si tratti. Il suo non è un nome a me conosciuto. La persona che è stata arrestata oggi è nota perché è un imprenditore, è azionista della centrale elettrica a gas di Malta: un progetto molto controverso legato anche alla elezione di Muscat nel 2013. Lo scorso anno il Progetto Dafne ha scoperto che lui era proprietario di un'azienda segreta chiamata "17 Black" che fondamentalmente veniva utilizzata per trasferire denaro a società panamensi di proprietà di Konrad Mizzi e Keith Schembri, che erano stretti collaboratori del nostro primo ministro. Entrambi hanno smentito di avere qualsivoglia coinvolgimento. Stamattina il Primo Ministro si è rivolto ai giornalisti dicendo che non esistono prove della loro implicazione. Questi due personaggi sono ancora al loro posto, anche dopo lo scoperta della società panamensi. Anche se non ci fosse stato un omicidio non sarebbero dovuti essere al loro posto. In pratica Muscat garantisce impunità dalla corruzione alle persone coinvolte in gravi reati e questo inevitabilmente conduce all'omicidio di Daphne. Adesso lui avrà una certa influenza sulla magistratura e questa influenza la dovrebbe lasciare a qualcun altro. Non dovrebbe essere lui a guidare queste indagini e a decidere come andranno le cose".(Segue)