Omicidio a Cernusco sul Naviglio: due uomini arrestati

omicidio cernusco auto

Ha forse trovato giustizia Donato Carbone, l’uomo di 63 anni rimasto ucciso lo scorso 17 Ottobre, nei box di un condominio. Due uomini sono stati arrestati, per l’omicidio avvenuto a Cernusco sul Naviglio: uno per averlo ordinato, l’altro per averlo eseguito. Stando a quanto scritto dai militari i due avrebbero agito a causa di alcune controversie. Il contrasto sarebbe infatti nato per delle attività economiche finite sotto indagine che vedevano coinvolti sia la vittima che i carnefici. Sembra infatti che i due ora arrestati fossero usurai e che Carbone fosse coinvolto nella faccenda.

Omicidio a Cernusco sul Naviglio: due arresti

La sera del 17 Ottobre, verso le 19, un condomine della vittima si stava recando al suo garage e in quel momento trovò il corpo esanime. Donato Carbone si trovava seduto al posto di guida della sua vettura, circondato da undici bossoli di pistola, evidentemente non andati tutti a segno. La scena indusse le forze dell’ordine a pensare si trattasse di un killer poco esperto. Un altro elemento fu utile per arricchire le indagini, ovvero gli occhiali da vista della vittima trovati a qualche metro dalla macchina. Ciò lasciò pensare a una colluttazione avvenuta precedentemente e lontana dal luogo del delitto. Dalle indagini a primo impatto scaturì la figura di un uomo normale. Un piccolo imprenditore che dopo aver lasciato la sua attività per un problema di salute, si occupava di portare all’asilo i suoi nipotini e passatempi innocui. Il movente, quindi, sembrava essere legato ad una questione economica.