Omicidio di Elisa Pomarelli, l’oste: “Non hanno bevuto”

omicidio piacenza

Secondo delle possibili ipotesi riguardo all’omicidio di Elisa Pomarelli, Massimo Sebastiani avrebbe aggredito la donna in preda a un raptus, causato dal troppo alcol. L’oste della trattoria Il Lupo, dove Massimo ed Elisa hanno pranzato insieme per l’ultima volta, ha smentito il fatto che avessero bevuto dentro la sua trattoria.

La dichiarazione dell’oste

“Ha ordinato lui per entrambi: tortelli, gamberoni e branzino. Non mi pare avessero preso del vino, o forse sì. Non più del solito bicchiere, comunque”: lo ha spiegato Luigi Farina al Quotidiano.net. Secondo questa dichiarazione dell’oste della trattoria Il Lupo, sembra improbabile che l’alcol possa essere la giustificazione per l’omicidio. Infatti gli inquirenti ritengono che la donna sia morta pochi minuti dopo l’uscita dei due dall’osteria. Nel giro di circa 30 minuti, Massimo Sebastiani avrebbe portato Elisa Pomarelli vicino a un pollaio vicino casa sua e l’avrebbe uccisa.

L’omicidio di Elisa Pomarelli

Massimo Sebastiani ha commesso un femminicidio. Dopo aver confessato la sua responsabilità, ha provato a giustificare le sue azioni dicendo di aver bevuto troppo. Il rapporto dell’uomo con Elisa Pomarelli, 28 anni, aveva preso una direzione sbagliata: lui nella sua mente si era fatto un’idea che Elisa non aveva mai alimentato. E’ inverosimile, dunque, che l’alcol in eccesso sia stata la causa che ha scatenato l’omicidio. A quanto pare questa pista sembra essere errata, stando anche alle parole dell’oste. I conoscenti dei due sono rimasti senza parole quando sono venuti a sapere l’accaduto.