Omicidio Elena del Pozzo: rinvenute dai Ris tracce di sangue in casa

Omicidio Elena del Pozzo: rinvenute dai Ris tracce di sangue in casa  (Foto social)
Omicidio Elena del Pozzo: rinvenute dai Ris tracce di sangue in casa (Foto social)

I carabinieri del Ris di Messina hanno trovato delle tracce di sangue nell'abitazione di Martina Patti, la 23enne rea confessa dell'omicidio della figlia Elena, di 5 anni. Si tratta di residui “da riporto” che, precisa la Procura, fanno escludere “con certezza” che “l’omicidio sia avvenuto a casa”. La tragedia si è consumata a Mascalucia, nel Catanese.

LEGGI ANCHE: Morte Elena, la madre: "L'ho uccisa nel campo da sola"

La dinamica dell’omicidio

La dinamica ricostruita coincide dunque con le dichiarazioni della donna che aveva confessato di aver ucciso la figlia in un campo vicino casa e di essere rientrata nell’abitazione a cambiarsi d'abito e lavarsi.

Operazioni che ha fatto prima di uscire per inscenare il falso sequestro della figlia a Tremestieri Etneo ad opera di un commando armato.

LEGGI ANCHE: Omicidio Elena, il padre: "Martina è un mostro, omicidio premeditato"

GUARDA ANCHE: Omicidio Elena Pozzo, cos’è la sindrome di Medea?

I risultati dell’autopsia

Nella casa è stata trovata anche la parte del budino che la bambina non avrebbe finito di mangiare per seguire la madre nel fondo abbandonato. Secondo la ricostruzione dell’indagata, Martina Patti avrebbe convinto la figlia ad andare a vedere un posto dove la mamma giocava da bambina, che la piccola era curiosa di vedere. In quel luogo Elena, secondo quanto emerso dall’autopsia, sarebbe stata uccisa con 11 coltellate. Letale è stato il colpo che ha reciso l’arteria succlavia.

L’arma del delitto

L'arma del delitto non è stata ancora trovata nonostante le vaste ricerche dei carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche (Sis) e del comando provinciale di Catania e del Ris di Messina che hanno battuto a fondo sia la campagna dove è stato trovato il cadavere di Elena, sia la sua abitazione.

SFOGLIA LA GALLERY: Bimba uccisa, padre disperato sul luogo ritrovamento

Proclamato il lutto cittadino

Il sindaco di Mascalucia, Vincenzo Magro, ha proclamato il lutto cittadino per mercoledì prossimo, giorno in cui, nella Cattedrale di Catania, saranno celebrati i funerali della piccola Elena. Come riporta l’Ansa, la scelta della Cattedrale di Catania, dove sono custodite le reliquie di Sant'Agata, è legata alla devozione del padre di Elena nei confronti della Patrona della città.

GUARDA ANCHE: Elena Del Pozzo uccisa dalla madre: la confessione

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli