Omicidio in Lesotho: moglie del premier si consegna a polizia -2-

Bea

Roma, 4 feb. (askanews) - Nuovi elementi sono emersi all'inizio di gennaio quando una lettera del capo della polizia del Lesotho è stata resa pubblica, che faceva riferimento ad una telefonata effettuata sulla scena del crimine dal cellulare di Maesaiha Thabane.

Quest'ultima, che era stata oggetto di un mandato di arresto, "ha preso l'iniziativa di ritornare", ha detto il portavoce della polizia Mpiti Mopeli all'Afp. È stata "prelevata al confine" con il Sudafrica, a seguito di un accordo tra il suo avvocato e la polizia, ha spiegato. "Al momento è ancora sotto interrogatorio", ha detto il portavoce. "Le discussioni determineranno se sarà incarcerata o meno".

Anche Thomas Thabane, 80 anni, è stato interrogato dalla polizia il 22 gennaio sull'omicidio.