Omicidio Luca Sacchi, Giorgia Meloni: “Saviano senza vergogna”

omicidio luca sacchi meloni saviano

Sono in corso le indagini sull’omicidio di Luca Sacchi, il 25enne ucciso a Roma con un colpo di pistola alla testa in circostanze ancora poco chiare, ma sono diversi gli esponenti politici che hanno commentato il caso. Ad aprire la strada è stato Matteo Salvini, subito rimproverato dal premier Giuseppe Conte di fare “speculazione” su una tragedia, un comportamento definito “miserabile”. Anche Giorgia Meloni è intervenuta tramite social, scagliandosi contro il giornalista e scrittore Roberto Saviano per la sua proposta di legalizzare le droghe leggere.

Omicidio Luca Sacchi, la proposta di Saviano

Secondo l’autore di Gomorra, la morte del 25enne ha evidenziato come Roma sia diventata l’hub della coca (e non solo) e in Italia”. Tramite i propri canali social, Saviano commenta: “Se l’omicidio di Luca Sacchi si configura come interno alle dinamiche della distribuzione delle droghe leggere, la politica per riscattare la sua inanità ha una sola strada: legalizzarle“.

Meloni: “Risparmiaci le lezioncine”

Risparmiaci le tue lezioncine” replica Giorgia Meloni in un duro post su Facebook. A sostegno della propria tesi, la leader di Fratelli d’Italia mostra “cosa c’era nel profilo di uno dei presunti assassini” (Paolo Pirino, fermato insieme a Valerio Del Grosso). Tra i film e i programmi TV apprezzati dal giovane figurano Gomorra e le sue Frasi più belle. “Caro Saviano”, continua la Meloni, “piuttosto che proporre tesi surreali su come combattere la criminalità organizzata, avresti potuto evitare di arricchirti grazie alla diffusione di un modello di vita criminale tra i giovani”.