Omicidio Roma, compagno di scuola: "Del Grosso e Pirino erano capetti"

webinfo@adnkronos.com

di Silvia Mancinelli  

"Li conosco da sempre. Con Paolo (Pirino, ndr) andavo all'asilo, con Valerio (Del Grosso, ndr.) alle medie. Sono sempre stati dei 'capetti', non bisognava considerarli". Così un vicino di casa di Paolo Pirino e compagno di scuola di Valerio Del Grosso racconta i due ragazzi arrestati per l'omicidio di Luca Sacchi. "Paolo ultimamente non si vedeva spesso, frequentava San Basilio, poi, era stato ai domiciliari e pensavo avesse per questo messo la testa a posto. Lo incrociavo solo quando sfrecciava con la sua Smart bianca. Preferiva non farsi vedere, mentre Valerio si conosceva nel quartiere perché era uno che menava".  

Mentre parla, da un balcone vicino, un uomo urla ai giornalisti: 'Via, andate via'. "Io voglio parlare, voglio informare perché è giusto nei confronti delle famiglie che questa storia l'hanno subita. Questa è una realtà piccola, perché nascondersi? Certi comportamenti vanno denunciati, solo così si riesce a cambiare le cose".