Omicidio Serena Mollicone, tutti assolti: la sentenza

(Adnkronos) - (dall'inviata Giorgia Sodaro) - A 21 anni dall'omicidio di Serena Mollicone, la giovane di Arce uccisa nel 2001, è arrivata la sentenza della Corte d'Assise del Tribunale di Cassino: il maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, il figlio Marco, e la moglie Annamaria sono stati "assolti per non aver commesso il fatto". È la sentenza emessa dalla Corte d'Assise del Tribunale di Cassino per il maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, il figlio Marco, e la moglie Annamaria, imputati con l'accusa di concorso nell'omicidio di Serena Mollicone. Assolti perché il fatto non sussiste Quatrale e Suprano. La sentenza è arrivata dopo circa 8 ore di Camera di Consiglio. I giudici hanno lasciato l'aula alle 11.18 e sono usciti con il verdetto alle 19.30. "È uscita la verità", il commento di Marco Mottola dopo la sentenza, accolta con lacrime e abbracci dagli imputati e dalle loro famiglie.

CAOS E INSULTI - Dopo la sentenza ci sono stati momenti di caos e tensione davanti al tribunale di Cassino. "Bastardi", "assassini", gli insulti rivolti al del maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, al figlio Marco, e alla moglie Annamaria mentre lasciavano palazzo di giustizia dai tanti cittadini di Arce che stavano attendendo la decisione della Corte d'Assise. Per sedare gli animi sono dovuti intervenire i carabinieri. "È triste vivere in paese che non rispetta le sentenze e dover essere scortati dalle forze dell'ordine per fare una conferenza stampa", ha detto l'avvocato Francesco Germani, storico difensore della famiglia Mottola, nel corso della conferenza stampa convocata dopo la sentenza

La procura aveva chiesto 30 anni per Franco Mottola, 24 per il figlio Marco, 21 anni per la moglie Annamaria, 15 anni per Quatrale e quattro anni per Suprano, tutti accusati di concorso nell'omicidio. Quatrale era accusato inoltre di istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi mentre per Suprano l'accusa era favoreggiamento. Il processo che ha preso il via il 19 marzo 2021 giunge al termine dopo 16 mesi e oltre 50 udienze, non prive di colpi di scena.

La prima udienza si è celebrata il 19 marzo, giorno della festa del papà, un data simbolica, interpretata da molti come un omaggio a Guglielmo Mollicone, quel padre che ha passato la vita a lottare per la verità ma è morto prima dell'inizio del dibattimento.

"È una pagina nera per lo Stato, è stato infitto un ulteriore patimento alla vittima, solo la morte ha risparmiato a Guglielmo un ulteriore dolore", ha detto l'avvocato Dario De Santis, legale del padre e dello zio di Serena, Guglielmo e Antonio Mollicone. "La verità è ben altra, non ci fermeremo di fronte a questa meschinità", ha detto dal canto suo Antonio Mollicone, zio di Serena.

PROCURA CASSINO - ''Questa Procura prende atto della decisione che la Corte di Assise nella sua libertà di determinazione ha scelto. E’ stato offerto tutto il materiale probatorio che in questi anni tra tante difficoltà è stato raccolto. La Procura di Cassino non poteva fare di più. Gli elementi a sostegno dell’accusa hanno superato l’esame della udienza preliminare. Il contraddittorio tra le parti nel corso delle numerose udienze celebratesi davanti la Corte evidentemente ha convinto i giudici circa la non colpevolezza degli imputati. Sarà interessante leggere le motivazioni sulle quali si farà un analitico e scrupoloso esame per proporre le ragioni dell’accusa innanzi al giudice superiore''. Così in una la nota il Procuratore della Repubblica di Cassino Luciano d'Emmanuele dopo la sentenza. ''Questo Procuratore e tutti i Sostituti ringraziano la dr.ssa Siravo per il grande impegno che ha manifestato nel corso delle indagini e la giovane collega Fusco per l’attenta e scrupolosa partecipazione alle udienze''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli