Omicidio Yara, nuova mossa di Bossetti: "Depistaggio dei magistrati"

·1 minuto per la lettura
Omicidio Yara, nuova mossa di Bossetti:
Omicidio Yara, nuova mossa di Bossetti: "Depistaggio dei magistrati" (Getty)

Novità sul caso di Yara Gambirasio. Massimo Bossetti, condannato all’ergastolo per l’omicidio della ragazzina avvenuto nel 2010, ha denunciato per depistaggio i magistrati di Bergamo, un’accusa sulla quale sta ora indagando la Procura di Venezia. Il depistaggio, come anticipato dal settimanale "Oggi", riguarderebbe presunte anomalie relative ai reperti e ai campioni di Dna che, se dimostrate, sarebbero di estrema gravità.

La Cassazione ha per tre volte dato ragione a Bossetti, ritenendo che i giudici di Bergamo devono mettere a disposizione dei suoi difensori i reperti col Dna che sono serviti a condannarlo. Lo scorso 3 giugno scorso la Corte d’Assise di Bergamo ha opposto l’ennesimo rifiuto alla richiesta degli avvocati di accedere ai campioni. "Presenteremo il quarto ricorso in Cassazione", ha annunciato il difensore di Bossetti Claudio Salvagni.

GUARDA ANCHE - Caso Yara, le tappe della vicenda