Omicron: Gimbe, rischiamo 2mln di positivi e ospedali pieni

·1 minuto per la lettura
(Photo by Riccardo Fabi/NurPhoto via Getty Images)
(Photo by Riccardo Fabi/NurPhoto via Getty Images)

Al crescere dei nuovi casi di Covid-19 "non corrisponde un parallelo incremento dei ricoveri", ma "con questo tasso di crescita dei casi rischiamo comunque di intasare gli ospedali perché si può arrivare a 2 milioni di positivi". A lanciare l'allarme è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe: "Abbiamo una quantità enorme di casi, mai vista, tanto che molti hanno definito la Omicron come il virus più contagioso della storia e i numeri che stiamo vedendo la dicono chiaro in questo senso". 

Intervenendo alla trasmissione "L'Italia s'è desta" su Radio Cusano Campus, ha dichiarato: "Tutte le misure messe in campo finora dal governo sono una sommatoria di pannicelli caldi che non riescono a rallentare la circolazione del virus".

GUARDA ANCHE: Covid: Omicron attacca la gola e risparmia i polmoni. Ecco come si comporta la nuova variante del Sars-Cov-2

Secondo il presidente della Fondazione Gimbe un modo per rallentare la circolazione potrebbe essere fare ricorso allo smart working. E sulla scuola come luogo in cui l'incidenza dei casi potrebbe vedere un'impennata ha fatto sapere: “La scuola rappresenta un bacino di contagi. E’ chiaro che non avendo lavorato sugli aspetti strutturali, possiamo modificare quanto vogliamo le modalità di screening e quarantena, ma con questa circolazione virale così alta bisogna fare delle valutazioni. Se decidiamo di tenere aperte le scuole bisognerà chiudere qualcos’altro perché non abbiamo tanti margini per far circolare il virus”.

GUARDA ANCHE: 5 consigli per uno smart working felice

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli