Omofobia: Bernini, 'facciamo mediazione al rialzo non forzatura al ribasso'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 lug. (Adnkronos) – "Con tutta l'umiltà, la disponibilità e l'onestà intellettuale che la presenza in quest'Aula ci impone di riflettere sulla mediazione che il presidente Ostellari ci ha proposto, buttiamo le bandierine fuori dalla finestra, pensiamo ai diritti delle persone che diciamo di voler proteggere con questa legge, facciamo una vera mediazione al rialzo e non una forzatura al ribasso, portando in Aula una norma che non è pronta per essere approvata. Non dividiamoci su un calendario che con una settimana in più ci vedrebbe ancora uniti". Lo ha affermato la capogruppo di Forza Italia al Senato, Anna Maria Bernini, durante la discussione sulla calendarizzazione del ddl Zan.

"Riteniamo vile sia non portarla in Aula sia portarla in Aula per farla morire dando la colpa a qualcun altro. Penso che la legge Zan -ha aggiunto l'esponente azzurra- sia un importante passo di civiltà per questo Paese, ma non possiamo approvare e far pubblicare in Gazzetta ufficiale un manifesto, una bandierina, perchè in Gazzetta ufficiale si pubblicano le leggi non le bandierine".

"Voglio la legge Zan in quest'Aula, a titolo personale e per il Gruppo parlamentare che rappresento, ma non voglio una forzatura prendere o lasciare, non voglio essere costretta ad approvare una norma dismettendo i miei diritti di legislatore, solamente perchè qualcuno mi impone di farlo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli