Omofobia: Binetti, 'no a libri porno a scuola, ministero Istruzione intervenga'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 apr. (Adnkronos) – "La notizia è oggettivamente inquietante: una scuola elementare di Fiumicino partecipa a un concorso sul centenario di Gianni Rodari e riceve in premio una serie di libri per biblioteca della scuola. Sono libri che i genitori giudicano inequivocabilmente porno, per cui scattano decine di interventi indignati, non solo per il contenuto, ma per il fatto che sono stati inviati ad alunni delle elementari e persino delle materne. Non si capisce chi abbia fatto una scelta di questo tipo, chi l'abbia autorizzata e chi non abbia controllato che tipo di libri veniva messo in mano ai bambini". Lo afferma la senatrice dell'Udc Paola Binetti, componente della Commissione parlamentare per lInfanzia.

"Per ironia della sorte -aggiunge- il caso esplode proprio in occasione della Giornata mondiale del libro e molto opportunamente Carla Garlatti, Garante dell'Infanzia, ha preso posizione su questa vicenda definendola gravissima e chiedendo di fare chiarezza sulle relative responsabilità. Resta da vedere a quali altre scuole siano stati inviati questi libri e quali iniziative siano state assunte per offrire ai ragazzi mezzi e strumenti più adatti alla loro età e alle loro curiosità. Sarebbe interessante sapere come intende muoversi il ministero dell'Istruzione per evitare che arrivino in classe testi decisamente fuori luogo".