Omofobia: Fedeli, 'miei dubbi restano, ma in aula non mancherà mio voto su ddl Zan'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 25 giu. (Adnkronos) – "Io sono rimasta e resto con le mie perplessità nel merito del ddl Zan che ho già espresso pubblicamente ma nello stesso tempo, se si va in aula con quel testo, io lo voto". Valeria Fedeli, senatrice Pd, risponde così all'Adnkronos in merito al ddl Zan.

Senatrice, lei aveva già espresso dubbi nella riunione del Pd Senato con il segretario Enrico Letta, e ora c'è chi la inserisce tra i potenziali franchi tiratori in aula… "Chi mi annovera tra i franchi tiratori non conosce la mia storia. Io dico sempre come la penso ma poi ho sempre grande rispetto della maggioranza del mio gruppo e del mio partito. Quando ti ritrovi in minoranza, è chiaro comunque non fai mancare il tuo voto. Io non ho mai utilizzato il voto segreto per esprimere una posizione. E se mai scegliessi di non votare con il gruppo, cosa che non farei mai, lo direi. Io, lo ripeto, avrei preferito cambiare alcuni punti sui quali sia parte delle femministe che alcuni costituzionalisti, hanno espresso perplessità. Se questi punti non si cambiano, io comunque il testo lo voto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli