Omofobia: Fedez attacca Pillon, 'mio figlio gioca con bambole, priorità Stato tutela sua libertà''

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 mar. (Adnkronos) – "Le dico una cosa, signor Pillon. Ho un figlio di tre anni che gioca con le bambole. Questa cosa non desta alcun tipo di turbamento in me, e non desterebbe nessun turbamento nemmeno se un giorno dovesse avvertire l'esigenza di truccarsi, mettersi il rossetto, mettersi lo smalto o una gonna, perché ha il diritto di esprimersi come meglio crede". Fedez all'attacco della Lega e di Simone Pillon. Nelle sue stories di Instagram, il rapper si scaglia contro il senatore del Carroccio sul ddl Zan, in discussione al Senato, e su alcune dichiarazioni di Pillon al 'Family Day', in cui parla di "maschietti costretti a truccarsi" in una "società impazzita".

"La cosa che mi destabilizzerebbe un po' -prosegue Fedez- è sapere che vive in uno Stato che non tutela il suo sacrosanto diritto di esprimersi in piena libertà, cercando di arginare le dinamiche discriminatorie e violente che molto spesso si verificano nel nostro paese. Questo per me è una priorità". Il rapper ne ha anche per la Lega. "Parliamo di priorità -affonda- Vogliamo parlare di 'priorità' su come sta gestendo la Lega il piano vaccinale nella regione Lombardia, dove ci sono gli ottantenni e i novantenni che non sono ancora vaccinati? Di come la Lega non è riuscita a costruire una terapia intensiva spendendo decine di milioni di euro durante l'emergenza?".