Omofobia: Gasparri, 'rinvio? A sinistra sanno che ddl Zan impopolare'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 ago. (Adnkronos) – "Sanno che è una norma impopolare, perché altrimenti non l'avrebbero accantonata". Lo ha detto all'Adnkronos il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, sentito sul rinvio della discussione del ddl Zan contro l'omofobia al Senato a dopo le elezioni amministrative, decisa dalla capigruppo di palazzo Madama. "Avevano detto che era urgente urgentissimo, ora hanno capito che è un argomento, per come è posto il testo, controproducente anche per i suoi armigeri e sostenitori".

"Se avessero ritenuto che fosse una cosa condivisa nel paese e portatrice di consensi per la sinistra -ha aggiunto Gasparri- avrebbe preteso la immediata discussione, come hanno sempre proclamato e invocato Letta, Cirinnà e compagnia. Ma sanno che la legge, nelle parti sulla scuola, sulle norme penali, sulla confusionaria possibilità di una scelta di appartenenza di genere, non c'entra niente con la giusta punizione aggravata di chi fa violenze con motivi futili e abietti o di discriminazione".

"Sono zitti sulla Zan. Ma tutto questo fronte è muto sulla discriminazione di omosessuali in Cina e di discriminazioni nei confronti di tutti, omosessuali ma soprattuto donne, in Afghanistan, dove non si sente abbaiare nemmeno un cane nella cuccia a sinistra".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli