Omofobia: Malan, 'madre protesta per lezioni Lgbt, voti più bassi al figlio' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Il 22 aprile del 2021 si accende la miccia che fa esplodere il caso: la signora M.M. riceve "dalla maestra, M.L.C., nella chat su WhatsApp dei genitori della classe del figlio, le fotografie degli elaborati sotto forma di cartelloni realizzati dai ragazzi raffiguranti scritte di propaganda Lgbt". La madre chiede spiegazioni al figlio, che racconta, "con evidente imbarazzo, che sono state le maestre a fare tutto quel 'lavoro' e che in sostanza lui ha scritto parte di quei cartelloni sotto la loro totale indicazione e supervisione".

"La signora M.M. -scrive sempre il senatore di Fdi nell'interrogazione- pensava che quei lavori fossero stati inseriti nel corso di educazione sessuale per il quale lei aveva rilasciato il consenso informato, ma è emerso che i lavori di propaganda Lgbt sono stati eseguiti in altra circostanza".

Così "il 27 aprile 2021 la madre di L." scrive "un'e-mail all'insegnante M.L.C., presentando le proprie ferme rimostranze, fra cui la natura sensibile dell'argomento trattato e la mancanza di informazione sulle attività citate, per le quali non le è stata chiesta alcuna autorizzazione, a differenza di quanto avvenuto per il corso di educazione sessuale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli