Omofobia: Malpezzi, 'chiesta data certa perché finora ostruzionismo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 giu. (Adnkronos) – “Il ddl Zan non viola le libertà di nessuno. Nel testo si dice che tutti i crimini d’odio devono essere puniti e quindi se c’è una istigazione alla violenza, anche per motivi di orientamento sessuale, questa violenza deve essere punita. La libertà di pensiero è assicurata, ma istigare alla violenza non si può e viene punito. Per il resto penso che ieri il presidente Draghi abbia spiegato quale è la posizione del governo che lascia al Parlamento la possibilità e la libertà di legiferare come è giusto che sia. Ieri in Senato abbiamo chiesto una data certa per l’aula per evitare l’ostruzionismo: voteremo in aula il 6 luglio per calendarizzare il testo perché finora non abbiamo visto volontà di discutere il provvedimento ma solo di bloccarlo”. Così Simona Malpezzi, presidente dei senatori del Pd a “Oggi è un altro giorno” su Rai Ino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli