Omofobia: Malpezzi, 'norme previste in trattati internazionali'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 13 lug. (Adnkronos) – “L'articolo che prevede l'identità di genere non fa altro che inserire una formula utilizzata dalla Corte costituzionale, nei trattati internazionali, nello status del rifugiato, nella convenzione di Istanbul, all'interno dell'ordinamento penitenziario varato nel 1975. Qualcuno spieghi perché questa formulazione adesso non va più bene". Così la presidente dei senatori del Pd, Simona Malpezzi, questa mattina a Sky Start.

"E la destra che ora chiede la soppressione dell'articolo 4 è la stessa che ha definito l'emendamento Costa, allora deputato di FI, proprio all'articolo 4 'salva idee'. Parliamo di una modifica introdotta alla Camera e votata all'unanimità, quindi anche dalla Lega. E anche se la Lega è contro la legge Mancino, vorrei tranquillizzarli: nessuno gli toglierà il diritto di espressione. Si punisce solo l'istigazione a compiere crimini d'odio".

"L'articolo 7 non dice niente di nuovo: la scuola deve promuovere iniziative contro tutte le discriminazioni. La norma cita leggi che sono già leggi dello Stato, come il comma 16 dell'articolo 1 legge 107. Parliamo di scuola perché non bisogna solo punire, ma anche prevenire. Fare in modo che i ragazzi vedano negli elementi considerati come diversità, aspetti con cui si può convivere, legittimi. Si tratta di educazione al rispetto dell'altro”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli