Omofobia: Marcucci, 'Ddl Zan bandierina, ora maggioranza trasversale per Draghi dopo 2023'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 ott (Adnkronos) – "Ho avuto la sensazione che il Ddl Zan servisse più come bandierina, che come legge dello Stato. Un po’ lo stesso meccanismo della cosiddetta tassa di successione. Un prodotto buono per la propaganda, giusto e sacrosanto nel merito, ma non per il processo legislativo”. Lo dice il senatore del Pd Andrea Marcucci in un’intervista al Giornale.

Sulla decisione di Letta sulle alleanze, l’ex capogruppo dice: “Mi pare che lo stesso segretario si sia già parzialmente corretto, comunque io la penso allo stesso modo del ministro Guerini. Le alleanze per il Quirinale non si costruiscono sugli strascichi dell’infelice esito del ddl Zan, servirà avere anche solo un voto in più. Stesso ragionamento per le elezioni politiche, che io spero siano celebrate con un diverso sistema elettorale, come ho più volte detto, un proporzionale con soglia di sbarramento alta”.

Per quanto concerne Draghi, Marcucci sottolinea : "L’attuale Presidente del Consiglio serve all’Italia più da Palazzo Chigi che dal Quirinale. A me piace pensare ad una maggioranza trasversale, che si impone nelle urne, e gli consente di fare un altro mandato da Presidente del Consiglio, per avviare le strategiche riforme del Pnrr”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli