**Omofobia: Meloni, 'con ddl Zan potrò dire a La Russa di candidarsi per quote rosa'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Rapallo, (Ge), 9 lug. (Adnkronos) – "La percezione che ho di me è più importante della mia origine biologica. Questa cosa, collegata con le norme previste nella legge Zan, significa che sono finite le conquiste femminili. Se non sono un uomo e non sono una donna ma sono quello che percepisco, gli incentivi sul lavoro femminile chi li prende? Le quote rosa, che io aborro? A me risolve il problema, quando deve fare le liste per il prossimo Parlamento acchiappo La Russa e gli dico oggi tu ti senti una donna. E voglio vedere chi mi dice qualcosa". Lo ha affermato Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, intervistata da Mario Giordano a Rapallo per la presentazione del libro 'Io sono Giorgia'.

"E' esattamente quello che è accaduto in Messico, così come sullo sport: ci sono fior fiore di atleti nati biologicamente uomini -ha ricordato la leader di Fdi- a un certo punto decidono di diventare donna e pretendono di competere nei campionati femminili. In Nuova Zelanda ci sta un signore che gioca a pallamano, che poi è diventato donna, adesso gioca nella nazionale femminile di pallamano, un metro e 88 per cento chili, ogni volta che scende in campo spacca due-tre ossa. E' normale? E' normale che alle prossime Olimpiadi nel sollevamento pesi ci sia un uomo che compete nel campionato femminile? Diventa o non diventa una discriminazione nei confronti delle donne? Questi sono i corto circuiti della sinistra".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli