Omofobia, presentato ddl Lega-Fi: ecco il testo

"Il centrodestra di governo ha depositato in Senato un testo unitario sull'omofobia che aumenta le pene in caso di discriminazione e violenza. Il disegno di legge è firmato da tutte le forze del centrodestra di governo, con l’auspicio che l’intero Parlamento possa sostenerlo, superando le battaglie ideologiche e i pregiudizi di questi mesi". E' quanto rendono noto fonti della Lega.

Ecco il testo del disegno di legge presentato del centrodestra di governo, che prevede un'aggravante rispetto a quelle previste dall'art. 61 del Codice penale.

Art. 1

1. All'articolo 61 primo comma del codice penale dopo il n. 1) è aggiunto il seguente:

"1:bis) l'aver agito in ragione dell'origine etnica, credo religioso, nazionalità, sesso, orientamento sessuale, disabilità nonché nei confronti dei soggetti che versano nelle condizioni di cui all'articolo 90-quater del codice di procedura penale;".

Art.2

1. All'articolo 69 del codice penale, il quarto comma è sostituito dal seguente:

"Le disposizioni del presente articolo si applicano anche alle circostanze inerenti alla persona del colpevole, esclusi i casi previsti dall'articolo 99, quarto comma, i reati aggravati dall'articolo 61 n. I-bis), nonché i casi previsti dagli articoli 111 e 112, primo comma, numero 4 ), per cui vi è divieto di prevalenza delle circostanze attenuanti sulle ritenute circostanze aggravanti, ed a qualsiasi altra circostanza per la quale la legge stabilisca una pena di specie diversa o determini la misura della pena in modo indipendente da quella ordinaria del reato."

Art. 3

1. All'art. 69-bis del codice penale sono aggiunte, dopo le parole "procedura penale", le seguenti: "e per i delitti aggravati dall'art. 61 n. I -bis),".

"Disposizioni in materia di circostanze aggravanti nei casi di violenza commessa in ragione dell'origine etnica, credo religioso, nazionalità, sesso, orientamento sessuale, età e disabilità della persona offesa" è il titolo del disegno di legge presentato dal centrodestra di governo. L'iniziativa è dei senatori Licia Ronzulli (Fi), Matteo Salvini (Lega), Paola Binetti (Udc) e Gaetano Quagliariello (Cambiamo!).

"Compito del diritto penale - si legge nella relazione al ddl - è quello di attenersi alla materialità dei fatti, non potendo essere utilizzato per promuovere valori etico-culturali, pena un'inammissibile ricaduta nell'indeterminatezza della fattispecie che, secondo l'articolo 25 Cost., deve rispettare precisi requisiti di tipicità: facendo buon governo dei principi di materialità e di necessaria lesività che ispirano il diritto penale, riteniamo necessario predisporre appositi interventi normativi, volti ad aggravare il sistema sanzionatorio".

L'Articolo 1 del ddl interviene sul codice penale, "mediante un'aggravante che si pone in rapporto di specialità rispetto a quelle già presenti nell'articolo 61 attualmente vigente". "Gli articoli 2 e 3 - continua la relazione - assicurano invece un efficace apparato repressivo, attraverso la predisposizione di un sistema di "blindatura" della circostanza: esso limita il potere del giudice di bilanciare tale circostanza aggravante con eventuali attenuanti". Il ddl del centrodestra quindi, come specificato nella relazione, "così com'è concepito offre quindi una tutela reale ed effettiva alla repressione delle violenze e di ogni altro comportamento offensivo commesso in ragione della origine etnica, credo religioso, nazionalità, sesso, orientamento sessuale, età e disabilità della vittima".

"Il testo presentato dalla destra è un attacco alla legge Mancino. Non solo cancella le tutele del ddl Zan, ma, prevedendo solo un’aggravante comune, diminuisce le tutele per i crimini d’odio razziale, etnico, religioso. Un vergognoso insulto ai diritti in pieno stile sovranista". Lo scrive su Twitter il deputato del Pd Alessandro Zan, autore del Ddl Zan.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli